Le parole, l’amore, il filo spinato. Luandino Vieira a Tarrafal
Foto di Barbara Cardini
HTML

Come citare

FrancavillaR. (2020). Le parole, l’amore, il filo spinato. Luandino Vieira a Tarrafal. Publifarum, (32). URL da http://www.publifarum.farum.it/index.php/publifarum/article/view/270

Abstract

La guerra d’Indipendenza nelle colonie africane portoghesi, che aveva reso necessaria l’instaurazione dello stato di emergenza, scoppia nel 1961. Il regime prova a rallentare il corso della storia attraverso il controllo censorio e la violenza, ricorrendo all’apparato segreto della polizia politica (PIDE) e all’incarceramento dei dissidenti in campi concentrazionari come quello di Tarrafal, alle Isole di Capo Verde, dove il più importante scrittore della letteratura angolana, Luandino Vieira, redasse in maniera clandestina i racconti di Luuanda, il suo capolavoro. Nella prigionia matura la lezione di questa grande figura: nel coraggio e nella coerenza del suo cammino politico verso l’indipendenza politica e la costruzione della nazione, nello statuto della sua opera, nel progetto di una letteratura postcoloniale, svincolata da ogni processo imitativo nei confronti dell’egemonia coloniale e foriera di un discorso originale prodotto sulla traccia identitaria dell’angolanidade.

HTML

La rivista elettronica Publifarum diventa proprietaria dei diritti d'autore degli articoli selezionati dal Comitato di Redazione. Nessun testo accettato potrà essere pubblicato altrove, senza previo accordo con i responsabili della rivista. Nessun compenso sarà pagato agli autori. In caso di mancata accettazione dell'articolo, la rivista dà all'autore il diritto di presentare il suo testo altrove.

La rivista pubblica in Open Acces.