La littérature française dans le cachot: Attività didattiche nel carcere di Ranza, San Gimignano
Foto di Barbara Cardini
HTML

Come citare

StaianoL. (2020). La littérature française dans le cachot: Attività didattiche nel carcere di Ranza, San Gimignano . Publifarum, (32). URL da http://www.publifarum.farum.it/index.php/publifarum/article/view/275

Abstract

In questo elaborato vorrei ripercorrere due anni di insegnamento speciali, non ritmati dal suono della campanella che scandisce l’entrata e l’uscita degli studenti, ma da un silenzio immobile, interrotto talvolta da rumori che spesso risuonano ancora nella mia testa: il rumore di passi che si susseguono in lunghi corridoi bianchi e spogli; il tintinnio di chiavi enormi che ciondolano dalle cinture dei vari agenti penitenziari in servizio o, in maniera ancora più assordante, che entrano nelle serrature di porte e cancelli invalicabili facendoti provare, per poche ore, la sensazione claustrofobica di essere prigioniera; la cadenza di voci grevi, caratterizzate dalle più svariate inflessioni dialettali, che irrompono in quegli spazi freddi e cupi, adibiti ad anonimi locali scolastici, con una serie infinita di “Buongiorno professoressa!” Sin dai primi giorni, ho capito l’importanza di rispondere ad ogni singolo “Buongiorno”, tutte le mattine, con lo stesso sorriso e la stessa energia perché la parola, pronunciata tra il silenzio di quelle mura da una voce esterna, ha un suono diverso, caldo che per gli abitanti di quegli spazi angusti diventa linfa vitale.

HTML

La rivista elettronica Publifarum diventa proprietaria dei diritti d'autore degli articoli selezionati dal Comitato di Redazione. Nessun testo accettato potrà essere pubblicato altrove, senza previo accordo con i responsabili della rivista. Nessun compenso sarà pagato agli autori. In caso di mancata accettazione dell'articolo, la rivista dà all'autore il diritto di presentare il suo testo altrove.

La rivista pubblica in Open Acces.