«Shifts» and «Markedness»: Words or Terms? Terminology and Metalanguage Issues in Translation Studies Dictionaries, Encyclopedia, Handbooks and Coursebooks
HTML

Come citare

SantiniL. (2020). «Shifts» and «Markedness»: Words or Terms? Terminology and Metalanguage Issues in Translation Studies Dictionaries, Encyclopedia, Handbooks and Coursebooks . Publifarum, (33). URL da http://www.publifarum.farum.it/index.php/publifarum/article/view/432

Abstract

Prendendo le mosse dal volume The Metalanguage of Translation (2009) di GAMBIER & van DOORSLAER, questo studio propone una riflessione sulla terminologia in uso negli studi teorici sulla traduzione a partire da due vocaboli chiave tra quelli tecnici in uso, ovvero shift e markedness, ripercorrendone l’affermarsi e il modo in cui sono (o meno) utilizzati e sono (o meno) presenti in una selezione di enciclopedie, dizionari, libri di testo e manuali di larga diffusione. L’intenzione è portare in primo piano e quindi all’attenzione - tra gli altri di chi guida e di chi frequenta corsi universitari sulla traduzione - sia la loro polisemia che può fungere da stimolo per analisi e confronti, sia come il loro significato specifico, spesso anche molto distante all’interno di precisi approcci, possa se non coerentemente presentato trasformarsi in un impedimento a cogliere l’articolazione di alcune teorie traduttive. La valenza polisemica di questi termini, attestatasi storicamente all’interno di specifici approcci, si affianca in dizionari, manuali e enciclopedie a un utilizzo parzialmente incoerente che vede predominare il senso più comune o generico delle due parole chiave. Tale uso può essere sviante ma anche sfavorire una visione articolata dei due vocaboli in materiali considerati punto di riferimento per orientarsi tra metodologie, approcci teorici e strategie o modelli traduttivi.

HTML
Creative Commons License

Questo lavoro è fornito con la licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.

Copyright (c) 2020 Publifarum